Cerca nel blog

lunedì 7 dicembre 2015

Recensione: Distruggimi di Chiara Cilli, Blood & Bonds #2


Qui la mia presentazione del libro

Addicted - Kelly Clarkson


​Tre mesi. 
Dodici settimane. 
Ottantaquattro giorni. 
Duemilasedici ore. 
Sette milioni duecentocinquantasette mila seicento secondi.
Un colpo di pistola.
Un aereo che parte.


     Aleksandra è libera e sta tornando a casa... ma non è tempo di chiedersi per quale reale motivo e chi le ha permesso di tornare nel suo mondo perché ora un unico pensiero le ottenebra la mente, è arrivato il momento di affrontare l'abominio che è stato la causa di tutto ciò che le è accaduto... suo padre... il mostro che ha spezzato la vita di Henri.
    Se lo trova difronte e fra tutti gli scenari che aveva tentato di immaginare, in nessuno, nemmeno nel peggiore aveva pensato di vedere nei suoi occhi nemmeno un piccolissima traccia di pentimento, ed invece è questo ciò che le si para davanti, due occhi freddi, impassibili, 'quasi' fieri di ciò che ha inflitto...
I mostri sono capaci di amare?
     I giorni passano scanditi solo dal dolore, tutti uguali, tutti sterili, tutti orribili, la sua vita pareva aver perso il suo senso... Quella che a lei in precedenza era parsa come una vita normale e serena, era sempre stata e lo era tuttora solamente un palcoscenico in cui tutti avevano ruoli assegnati da recitare. 
    Mentre era 'prigioniera' pensava alla disperazione di tutti i suoi cari mentre la cercavano disperatamente ed invece nessuno, a parte sua madre, l'aveva cercata, i suoi genitori avevano giustificato la sua assenza nel mondo con una fuga d'amore finita tragicamente. Era un incubo... E allora mi chiedo, perché è tornata a casa? Perché una volta trovatasi dinnanzi a questa realtà non è scappata? Non era scappata perché in fondo voleva essere ritrovata!



     Ovviamente è quello che accade... Henri va a riprendersela e la riporta a quello che ormai è il suo posto, con se, nel suo mondo, nella sua anima, nel suo respiro...
    Ricomincia i loro circolo vizioso malato, fatto di richiami oscuri, tenebre e sangue. Lui ancora convinto di esser capace di riuscire ad ucciderla, e lei ammantata dalla vergogna di desiderare l'uomo che l'aveva picchiata, stuprata, piegata alle sue volontà e tanto altro...



      Non vi è via  d'uscita, le loro anime non gli appartengono più perché oramai sono fuse l'una con l'altra. Ondate di conflitti li travolgono, l'ostinazione a non voler cedere, il non voler accettare cosa realmente provano l'un l'altro, l'ammettere di aver perso entrambi, l'ostinazione a volersi spezzare a vicenda, i tumulti interiori, un vortice infinito che li dilania sempre di più... André... Armand... non vi è soluzione... o forse si.
'Io non voglio vivere così' gemetti. Mai. 'Perciò fallo' lo incitai, determinata. 'Distruggimi'
     La decisione è presa. Doveva lasciarla andare e ritornare alla sua 'vita'... Questa è l'unica maniera per sopravvivere alla loro ossessione, ma... ancora una volta interviene la forza suprema che non riesce a fargli rinunciare a lei, di saperla viva, e magari felice, lontana da lui... l'unico modo per lasciarla andare è ucciderla ed eliminarla definitivamente... il compimento della sua vendetta... ancora una volta una pistola... 




     Il mio pensiero adesso va ai possibili scenari di 'Uccidimi' il capitolo finale della trilogia di Henri & Aleksandra
     Ho pensato a tante opzioni e tante soluzioni, ma purtroppo non riesco a vedere un 'lieto' fine... Che può succedere? 
     Chiara... questa volta sono pronta... fa ciò che devi... però se non l farai sono davvero curiosa di cosa la tua mente riuscirà ad elaborare!!!


    Della stessa autrice:
*  Recensione di 'Soffocami', Blood & Bonds #1

3 commenti:

  1. ahahahahahah sembra che sono la mietitrice xD "Fa' ciò che devi."
    Grazie infinitamente per questa bellissima recensione ♥ xoxo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono psicologicamente pronta quest volta!!! ♥

      Elimina
  2. Bella recensione! Brava A...anch'io non mi aspetto un lieto fine non ce lo vedo! Aspettiamo Uccidimi, chissà magari ci ricrediamo!

    RispondiElimina